"Il suo grande amore per le Terme di Riolo": conferita a Gino Pasotti la cittadinanza onoraria

Venerdì 29 Settembre 2017 - Riolo Terme

Sabato 30 settembre Riolo Terme riconosce la cittadinanza onoraria a Gino Pasotti proprietario dello stabilimento termale

Sabato 30 settembre a partire dalle 10 si terrà a Riolo Terme la consegna della cittadinanza onoraria al proprietario dello stabilimento termale Gino Pasotti in un consiglio comunale aperto. 

 

Queste le motivazioni che il primo cittadino Alfonso Nicolardi illustrerà a motivazione del riconoscimento: «Il sindaco, a nome del consiglio comunale e della città di Riolo Terme, in segno di profonda stima e di apprezzamento, quale riconoscimento per l’esemplare affezione ed interessamento verso la nostra città e la comunità riolese, unanimemente riconosciuti e testimoniati da opere ed iniziative finalizzate alla valorizzazione della nostra realtà socio-economica, concede al signor Gino Pasotti la cittadinanza onoraria del Comune di Riolo Terme».



Gino Pasotti
nasce il 13 gennaio del 1936 a Filo di Argenta, ultimo di sette fratelli. Trasferitosi a Bologna terminata la scuola di avviamento inizia a frequentare i corsi serali di ragioneria mentre di giorno sbarca il lunario facendo il cameriere e il fattorino per la consegna del “Carlino” alle varie edicole. Decide di trasferirsi a Milano, ospite di un fratello, e inizia l'attività di venditore presso l'Olivetti per poi passare a una concorrente, fino alla decisione di mettersi in proprio come stampatore con una nuova macchina che ha comprato a Londra. Collabora anche con la Fabbri Editore per la stampa della Divina Commedia in dispense. Dopo aver aperto questa ditta, decide con alcuni collaboratori di fondare la I.P.S. ottenendo una licenza di produzione e distribuzione di prodotti a base di Cristalli Liquidi Microincapsulati. Nasce quindi la IPS, società che inizia a produrre i termometri per la febbre in strisce che cambiano colore con il calore del corpo, distribuendoli in ben 62 paesi. In America ottiene un grande successo vendendo gli “Stone Ring Mud” anelli che cambiano colore secondo lo stato d'animo, grazie ad un testimone quale Cassius Clay.

Negli anni ’80
entra in campo farmaceutico e con alcuni collaboratori fonda la Pharmatec Srl, specializzata nella ricerca e formulazione di farmaci a rilascio controllato per uso orale. Successivamente acquisisce una seconda azienda farmaceutica specializzata nella produzione di iniettabili e capsule molli. Seguono anni di ristrutturazione del gruppo; attraverso la casa madre Padusa Spa investe in campi diversi: dalla logistica (acquisisce i Magazzini Generali all’Interporto di Bologna), al residenziale di prestigio (Pasotti possiede diverse tenute in Toscana ed Emilia Romagna), all’acquisto di case di riposo, immobili residenziali e uffici; a Milano mantiene tutt’oggi due stabilimenti produttivi in campo nutraceutico e farmaceutico. Pur avendo la sede delle aziende a San Donato Milanese decide di vivere ad Argenta e poi a Bologna. Il legame con la sua terra è forte e acquista migliaia di ettari nelle Valli di Comacchio e la Penisola di Boscoforte. 


Alla fine degli anni ’80 scopre le Terme di Riolo. Se ne innamora immediatamente e decide di acquistarle e di investire nella loro riqualificazione con grandi interventi strutturali: la nuova sede della reception, gli ambulatori medici, la grande ed innovativa piscina termale, nuovi reparti di fangobalneoterapia, la ristrutturazione del Grand Hotel, la riqualificazione del secolare Parco Termale, la realizzazione del centro di medicina estetica, l’acquisizione e ristrutturazione del Golf Hotel Terme e di Villa delle Fonti. Dà impulso alla attività di ricerca scientifica e di promocommercializzazione investendo in pubblicità su canali televisivi nazionali e nella organizzazione di eventi quali le selezioni per Miss Italia e Bravissima.

Nel 1996 inaugura il primo Centro italiano di metodologie naturali, l’unico che completa, con fitoterapia, idroterapia Kneipp e biotecnologie mediche, le tradizionali cure termali.

Il 1999 ha visto la nascita del Centro nuove tecniche riabilitative dove sono stati creati programmi per la riabilitazione motoria, cardiologica e pneumologica, abbinando alle cure termali (principalmente la piscina con acqua termale) le più moderne tecnologie per il recupero funzionale.

Nel 2010 realizza il nuovo Centro del Benessere con sauna bagnoturco, docce emozionali e area relax con tisaneria.

Nel 2017 acquista e inizia la ristrutturazione di vari immobili storici per la riqualificazione del centro storico di Riolo Terme per la realizzazione dell”Antico Borgo di Caterina Sforza”. Oggi il gruppo alberghi e terme di Riolo conta, in alta stagione oltre 80 fra dipendenti e collaboratori. Gino Pasotti è padre di tre figli, Giulia, Filippo ed Eleonora e nonno di 5 nipoti, di sé ama dire: «In realtà non so fare nulla ma ho avuto la fortuna di avere due doni fondamentali per il mio successo, il primo il dono della povertà dalla mia famiglia, il secondo di aver saputo scegliere bravi e fidati collaboratori».



Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.