Ladro seriale arrestato dai Carabinieri di Filetto e Solarolo: aggrediva anziane per derubarle

Giovedì 30 Novembre 2017 - Solarolo
La conferenza stampa odierna presso il Comando provinciale dei Carabinieri di Ravenna

Con false pretese avvicinava la donna per poi strapparle la catenina dal collo o scipparle la borsa: il 25enne magrebino è stato individuato grazie ai filmati delle telecamere e alle descrizioni combacianti rilasciate dalle vittime

Intorno alle 13 di oggi, giovedì 30 novembre, si è tenuta una conferenza stampa presso il Comando provinciale dei Carabinieri di Ravenna in viale Pertini Sandro, alla presenza del Comandante Roberto De Cinti, che ha comunicato l'esito di un'operazione di indagini portata avanti, nei mesi scorsi, dai colleghi della Stazione di Solarolo e di Filetto, che, collaborando insieme nella raccolta delle prove, hanno potuto arrestare un 25enne marocchino, senza fissa dimora, autore di una serie reiterata di furti - commessi a Solarolo, S.Pietro in Trento, Roncalceci e Castel Bolognese -  ai danni di alcune donne, in prevalenza, anziane.


"Al responsabile sono stati imputati ben sei furti ed una rapina - dichiara il Comandante De Cinti - commessi tra la fine di luglio e quella di novembre; ci tengo a sottolineare che nella maggior parte dei casi, le vittime subivano, oltre al furto di oggetti cari, anche aggressioni, che causavano gravi lesioni e lunghi ricoveri in ospedale, come accaduto ad un'anziana 72enne di Solarolo che dopo lo scontro con il 25enne, si è ferita, cadendo a terra".

"Si tratta di reati che possono apparire minori - si avvia a concludere De Cinti -, ma che in realtà provocano nelle vittime forti disagi e traumi, soprattutto per la violenza e continuità dell'azione. Ringrazio i colleghi delle Stazioni di Filetto e Solarolo che durante questa operazione hanno messo in atto una collaborazione perfetta, garantendo così una costante e omogenea presenza nel territorio delle forze dell'ordine".

Presenti alla conferenza anche i Comandanti del Comando dei Carbinieri di Cervia-Milano Marittima e Faenza, rispettivamente Giuseppe Mercatali e Cristiano Marella, che hanno spiegato nel dettaglio il modus operandi del responsabile, e alcune autorità delle Stazioni di Filetto e Solarolo

Il malvivente infatti, avvicinava con futili pretesti - chiedendo informazioni o indicazioni stradali - le sue vittime in strada o presso le loro abitazioni, per poi aggedirle, di solito alle spalle, strappando loro i gioielli indossati e non esitando - come appunto in un caso - a commettere atti violenti pur di assicurarsi la refurtiva e così fuggire. 

Il G.I.P. del Tribunale di Ravenna, recepiti integralmente gli esiti dell'attività investigativa svolta dall'Arma e diretta dalla locale Procura della Repubblica lo scorso 27 novembre, ha emesso il decreto di custodia cautelare in carcere nei confronti del malvivente, che è stato poi rintracciato ed arrestato dai militari delle Stazioni di Filetto e di Solarolo il 28 novembre, in tarda serata, presso un'abitazione di Russi, in cui si trovava con altri parenti. 

L'arrestato si trova al momento detenuto alla Casa Circondariale di Ravenna.




A cura di Erika Digiacomo




Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.