Dopo la tempesta di vento Palazzuolo sul Senio fa la conta dei danni a case e patrimonio arboreo

Mercoledì 13 Dicembre 2017 - Romagna Faentina

Ingenti i danni provocati. Il sindaco Menghetti: "Una tempesta di vento di tale potenza non si era mai verificata a Palazzuolo sul Senio"

A Palazzuolo sul Senio è tempo della conta dei danni, che non sono pochi. La tempesta di vento che ha imperversato l'11 ed il 12 dicembre sul Mugello non ha risparmiato nemmeno la cittadina collinare dove ha recato numerosi danni a case, capannoni, alberi e infrastrutture tecnologiche.

Chi ne ha risentito maggiormente sono stati infatti i tetti di abitazioni e delle stalle che sono stati scoperchiati, alberi sradicati, cavi dell'energia elettrica e delle telecomunicazioni spezzati, luminarie private spazzate via assieme alle insegne pubblicitarie.
Per le emergenze dovute alla caduta di alberi e rami pericolanti hanno lavorato i Vigili del fuoco e ditte private incaricate dal comune in somma urgenza. Moltissimi gli alberi caduti all'interno dei giardini privati, fortunatamente senza danni per gli abitanti delle rispettive case. Per ripristinare le linee elettriche, le squadre di Enel hanno lavorato per tutta la notte in condizioni proibitive, riparando i cavi laddove possibile e montando dei gruppi elettrogeni in altre situazioni.



«Analizzando lo storico dei dati meteorologici disponibili, una tempesta di vento di tale potenza non si era mai verificata - sottolinea il sindaco, Cristian Menghetti - a Palazzuolo sul Senio. Ma sono tanti i segnali che ci portano alla preoccupazione, cambi di temperatura repentini, estati siccitose alternate ad eventi piovosi violenti, bombe d'acqua con frane sempre più frequenti che costringono ad interventi e costi straordinari per gli enti pubblici. Il clima non sta cambiando: è già cambiato».



Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.