Lega Nord Faenza: “Con ultimi conferimenti all’Unione il potere del Consiglio comunale svanisce"

Martedì 19 Dicembre 2017 - Faenza

“Antidemocratica, questo è l’unico aggettivo che possiamo utilizzare per descrivere l’Unione dei Comuni della Romagna Faentina” non usa mezzi termini il gruppo consigliare della Lega Nord Faenza, con i consiglieri Padovani, Berti, Fantinelli e Tavazzani. Commento che giunge dopo i conferimenti di funzioni di lunedì sera, conferimenti che completano l’opera di passaggio dei poteri da Comune ad Unione. 

 

“Lunedì sera abbiamo assistito al funerale della democrazia. Il Partito Democratico è stato il principale fautore di tutto ciò, esautorando i consigli comunali di sei comuni, per dare potere ad un Consiglio dell’Unione non votato da nessuno, ma composto da persone scelte da eletti. E per fortuna che sono democratici”. Prosegue il gruppo consiliare leghista: “L’unico metodo che avevamo per cercare di fermare i conferimenti era quello di fare ostruzionismo in aula, metodo efficace che ha fatto sì che il consiglio comunale iniziato alle 17.30 terminasse alle 2.30 di notte. Abbiamo spiegato come questo allontanamento del potere e questo impoverimento delle funzioni dei comuni fosse rischioso e negativo nei confronti dei cittadini, ma nonostante ciò, il documento è passato a maggioranza.”

 

“La maggioranza, chiamata in causa dalle nostre perplessità sul futuro andamento dell’Unione, ci ha risposto dicendo che a breve sarà redatto un documento dove verrà spiegato il riordino e le funzioni dei consigli comunali all’interno dell’Unione. E così facendo la maggioranza si è dimostrata saccente ed incapace di ascoltare le richieste dell’opposizione. Come possiamo votare un documento senza sapere quali saranno le conseguenze, come funzionerà, se sarà garantita la rappresentatività democratico. Il consiglio comunale di lunedì sera è stata la conferma che il PD, di democratico ha solo il nome”. Concludono quindi i consiglieri del Carroccio: “Siamo orgogliosi di aver sempre battagliato contro questa Unione, un’unione che si basa sugli interessi politici e sulla salvaguardia del partito unico al potere, mentre lascia alla porta i cittadini e la loro volontà democratica. Si sono costruiti una mini provincia facilmente controllabile dal PD, ma siamo certi che a breve cambierà l’aria, così come cambierà il colore politico di Faenza e di tutta l’Unione”.

Commenti

Perché non vedi il tuo commento? Leggi le policy.
  • tagliati fuori cosa buona e giusta

    19/12/2017 - natalizio



Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.