Cultura. Al Mic di Faenza la conferenza dal titolo "Verde urbano e benessere"

Venerdì 11 Gennaio 2019 - Faenza

“Può il verde urbano migliorare il nostro benessere e ridurre la criminalità? I risultati della ricerca internazionale” è il titolo della conferenza in programma oggi, venerdì 11 gennaio, alle ore 17.45, a Faenza, presso la sala convegni del Museo internazionale delle Ceramiche, promossa dal Servizio Ambiente e manutenzione del verde dell’Unione della Romagna faentina nell’ambito degli eventi della 9^ edizione dei Giardini di Natale. 


Relatore Francesco Ferrini, professore ordinario di arboricoltura e presidente della scuola di agraria dell’Università di Firenze. Che il verde urbano sia essenziale per rendere le città realmente sostenibili è un’affermazione condivisa non solo dagli addetti ai lavori. Ma quanto ne sappiamo veramente di questi benefici? Quanto è forte l'evidenza scientifica che supporta i diversi vantaggi del verde urbano? Di questi temi parlerà il prof. Ferrini, sottolineando come sia importante far conoscere i servizi ecosistemici forniti dagli alberi in città, perché senza questi servizi l’uomo non esisterebbe e la civiltà umana non funzionerebbe.

Il verde urbano ha inoltre benefici effetti sulla salute, la possibilità di accesso alle aree verdi è stata collegata alla riduzione del rischio di mortalità per numerose malattie e per molte disfunzioni croniche, inoltre un gran numero di studi ha dimostrato una correlazione diretta tra la vicinanza di un parco e l'attività fisica.
Francesco Ferrini ha svolto un’intensa attività di ricerca nelle diverse istituzioni di appartenenza, contribuendo al raggiungimento di importanti risultati nei settori dell’arboricoltura urbana e ornamentale e del vivaismo ornamentale.

Ha presentato i risultati delle proprie ricerche in oltre 170 convegni, sia in Italia che all’estero, con relazioni scientifiche e di tipo tecnico-divulgativo.
Grazie anche alla sua intensa attività di divulgazione è stato nominato presidente della Società italiana di Arboricoltura, carica che ha ricoperto dal febbraio 2005 al febbraio 2011. È stato, inoltre, per undici anni, dal 2005 al 2016, componente del Board of Directors della International Society of Arboriculture (ISA).
Mantiene continui rapporti con ricercatori internazionali del settore, ha ospitato e ospita, per soggiorni brevi o di lunga durata, numerosi colleghi per stage di ricerca.

L’incontro di venerdì prossimo è organizzato con il contributo di Axogroup s.r.l., società specializzata nel trasformare prodotti tradizionali in macchine a basso impatto ambientale per agricoltura, giardino e industria.



Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.