L'Altra Faenza e le Elezioni Europee: incontro con Silvia Prodi, candidata per “La Sinistra"

Mercoledì 15 Maggio 2019 - Faenza
Silvia Prodi

"Le prossime elezioni europee saranno una sfida molto importante per tentare di arginare politiche e culture di destra che, assieme a razzismi e nazionalismi, sono avanzate in diversi paesi europei, e contemporaneamente, per delineare una alternativa alle politiche neoliberiste e di austerità che hanno caratterizzato gran parte delle scelte della attuale Commissione Europea. Le risposte che vengono dall'articolato fronte delle sinistre, in Italia e in Europa, non sempre sono adeguate e coerenti" scrive in una nota L'Altra Faenza. 

 

"È relativamente facile convenire su alcune grandi indicazioni su cosa dovrebbe fondarsi l'Europa che si vorrebbe costruire: sulla democrazia reale e sull’autodeterminazione di donne e uomini; sulla giustizia sociale, ambientale e fiscale; sulla redistribuzione della ricchezza e del lavoro; sulla riconversione ambientale e sociale dell’economia; sul diritto al reddito e sui diritti delle lavoratrici e dei lavoratori, sulla solidarietà contro le politiche securitarie e di respingimento delle e dei migranti; sulla pace, il disarmo e la cooperazione internazionale. Più difficile è tradurre queste indicazioni in iniziativa politica e sociale che possa mobilitare e unificare, anche nei consensi elettorali, gran parte dell'elettorato che potrebbe condividere queste indicazioni, tant'è che l'adesione al voto potrebbe arrivare solo a poco più del 50%."

 

A partire da queste riflessioni, L'Altra Faenza invita ad un confronto sulle elezioni europee le realtà associative politico - culturali, che si riconoscono in questo campo, con alcuni qualificati rappresentanti: giovedì 16 maggio, ore 18, alla sala del Rione Verde, in via Cavour, 37 incontro con Silvia Prodi, Consigliera Regionale del gruppo misto, candidata alle elezioni Europee per “La Sinistra”.

Commenti

Perché non vedi il tuo commento? Leggi le policy.
  • Vorrei sapere a vantaggio di chi vanno i voti a partiti che non raggiungono il 4% alle elezioni europee.

    16/05/2019 - Colonna Romano Marialuisa

...Commenta anche tu!